Archivio per attivismo

Wewired.it: l’aggregatore delle idee in rete per WIRED Italia

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 16 dicembre 2008 by realuca

Leggi il post originale da key4biz

04011b_copertinewired15anni-20080523-234346

Nasce oggi la seconda fase della presenza in rete di WIRED.
Wewired.it è la piattaforma digitale sviluppata per tenere traccia di tutti i dibattiti, i post e i commenti che riguardano WIRED Italia, rendendoli così fruibili alla comunità online cresciuta intorno alla ‘‘fabbrica’’ del nuovo mensile, in edicola con il primo numero il prossimo 19 febbraio. Da oggi Wewired.it diventa l’aggregatore delle conversazioni online che si snodano intorno al mondo WIRED, offrendo alla comunità che si riconosce nelle pagine della rivista un punto di vista
privilegiato sulle news, i dibattiti e i pareri che circolano in Rete, con la possibilità per gli utenti di interagire commentando a loro volta.
‘‘Il dentro è fuori e il futuro passa attraverso le relazioni’’: in questa definizione dell’interattività e della socialità che caratterizzano la dimensione ‘‘liquida’’ del Web 2.0 c’è la chiave di lettura di Wewired.it. Alla base dell’idea progettuale, Wewired.it si propone come ‘‘esperimento partecipativo’’. Creato per essere uno strumento di dialogo e condivisione tra il Direttore di WIRED Italia, Riccardo Luna e il popolo della rete, è insieme spazio di riflessione e backstage del progetto editoriale in divenire.
Wewired.it si è evoluto diventando l’interfaccia e il punto di riferimento per i gruppi di discussione su WIRED sorti (spontaneamente) all’interno delle maggiori piattaforme di social network. Wewired.it nasce il 12 novembre, nella sua prima versione in making off, in concomitanza alla tavola rotonda ‘‘Colazione da WIRED’’, di cui è possibile fruirne un estratto dalla piattaforma digitale. Oggi, nella sua seconda evoluzione, Wewired.it prende forma e assume una fisionomia e una funzione ben precise nella logica del Web 2.0, dove risorse, informazioni, idee e progetti acquistano valore nella misura in cui divengono conversazioni che circolano, si propagano e sono condivise fuori dalle realtà da cui hanno origine.
La nuova piattaforma, inoltre, ha il compito di alimentare il coinvolgimento e il rapporto di vicinanza tra la comunità online e WIRED Italia.
In questo senso, Wewired.it terrà costantemente aggiornati gli utenti registrati sulle novità, le iniziative e gli highlights su WIRED, attraverso un widget, una piccola applicazione che sarà resa disponibile anche come software scaricabile sulla scrivania del computer o da aggiungere alle funzionalità disponibili all’interno di iGoogle e Facebook. La seconda versione di Wewired.it si presenta con una veste grafica totalmente rinnovata. Il nuovo layout, raffinato e dinamico, è pienamente coerente con la missione della piattaforma digitale, chiamata a riservare ai visitatori un’esperienza di navigazione allo stesso tempo utile ma coinvolgente, semplice ma mai banale.

Pubblicità online: tagliata la pubblicità su Facebook e MySpace

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 12 dicembre 2008 by realuca

Leggi  il post originale da affaritaliani

Le stime sulla pubblicità sui social network per il 2008 e 2009

socialnetw

Non è tutt’oro ciò che è Facebook o MySpace. Se i social network sono il fenomeno del 2008, a livello pubblicitario la crisi fa sentire i suoi effetti anche su questo settore: negli Usa, dove sono maggiormente sviluppati i format sui social network, lanciati proprio quest’anno, eMarketer ha rivisto al ribasso le proprie stime sugli investimenti complessivi sui social network per il 2008, portandole a 1,2 miliardi di dollari dai precedenti 1,4 miliardi.
Ridimensionate anche le prospettive di crescita per il 2009, da 1,8 miliardi a 1,3 miliardi di dollari, quindi con un avanzamento tutto sommato piuttosto modesto rispetto all’anno in corso.
A incidere sulle aspettative non è soltanto la recessione, ma anche la crescita al di sotto delle attese dei ricavi di MySpace. Tuttavia, nota Debra Aho Williamson, analista di eMarketer, “le aziende non dovrebbero cancellare gli investimenti sui social network: in un’economia in difficoltà è più facile mantenere i clienti già acquisiti che conquistarne di nuovi, e con una spesa relativamente contenuta le società possono usare i social network per mantenere relazioni che hanno già espresso interesse per i loro brand o prodotti”.
D’altro canto, notano gli analisti, se è vero che nel 2008 e 2009 la crisi si farà sentire su tutte le forme di advertising, anche online, è ancor più vero che a soffrirne maggiormente saranno proprio i format sperimentali, che non hanno ancora avuto la possibilità di dimostrare pienamente la possibilità di generare ritorno degli investimenti.

La crescita della pubblicità online negli Usa

online

A livello di singoli social network, le stime relative agli investimenti su MySpace sono state riviste da eMarketer dai 755 milioni di dollari precedentemente stimati per il 2008 a 585 milioni (-22,5%), mentre per Facebook le attese sono state portate da 265 millioni a 210 milioni di dollari (-20,8%).

Michel Gondry @ webby awards: Swede

Posted in Attualità ed Attivismo with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 12 dicembre 2008 by realuca


Due gestori di un videonoleggio rischiano di chiudere l’attività a causa di un’improvvisa smagnetizzazione di tutte le videocassette in magazzino. Come ultimo tentativo tentano l’incredibile: per accontentare un’anziana signora un po’ svitata che vuole a tutti i costi vedere Ghostbusters, decidono di girarne una versione amatoriale.. il risultato è Be Kind Rewind (febbraio 2008), film col quale Michel Gondry ha vinto un Webby Film Award avendo inventato il concetto di Swedin, pratica amatoriale di rigirare classici del cinema con mezzi estrememente ridotti, che ha generato un buzz inerrastabile nella blogosfera.

electrOMA

Posted in Attualità ed Attivismo with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 11 dicembre 2008 by realuca

Vogliamo cambiare natura deumanizzandoci per robotizzarci tramite l’installazione di protesi: vogliamo mutare il nostro sé-sociale esterno, pensando effettivamente d’essere altro dalla nostra identità primaria. Dal fallimento di tale processo trasformativo deriverà la repulsione per la società di cui facciamo parte, dovuta al misconoscimento da parte dei suoi membri dell’insensato gesto. Saremo condannati all’esilio, al peregrinare per spazi desertici nei quali troveremo il nostro scopo ultimo: ucciderci “oppressi dalla solitudine, dall’incomprensione dei nostri simili e dall’impossibilità di slegarsi dalla nostra natura originaria! vissuta in effetti come una malattia”.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.