Archivio per attivismo

electrOMA

Posted in Attualità ed Attivismo with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 11 dicembre 2008 by realuca

Vogliamo cambiare natura deumanizzandoci per robotizzarci tramite l’installazione di protesi: vogliamo mutare il nostro sé-sociale esterno, pensando effettivamente d’essere altro dalla nostra identità primaria. Dal fallimento di tale processo trasformativo deriverà la repulsione per la società di cui facciamo parte, dovuta al misconoscimento da parte dei suoi membri dell’insensato gesto. Saremo condannati all’esilio, al peregrinare per spazi desertici nei quali troveremo il nostro scopo ultimo: ucciderci “oppressi dalla solitudine, dall’incomprensione dei nostri simili e dall’impossibilità di slegarsi dalla nostra natura originaria! vissuta in effetti come una malattia”.

Come diventare emigranti moderni grazie al lavoro virtuale

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 11 dicembre 2008 by realuca

Leggi il post originale da italiansinfuga

fuga

Daniele Montemale è un giovane italiano che sta mettendo in pratica uno stile di vita che gli permette di vivere all’estero e lavorare con clienti italiani!
La sua esperienza prende spunto da Tim Ferriss, che evangelizza il ‘lifestyle arbitrage’ cioè vivere in una nazione meno costosa mentre si lavora virtualmente in una nazione che paga meglio, grazie a internet e varie tecnologie disponibili al giorno d’oggi.
DM: Ho una piccola agenzia di marketing e pubblicità online nel campo del viral marketing (lavoro in continua crescita che spesso è confuso con lo spam ma che con quest’ultimo non ha nessun collegamento.). Da dove lavoro o il luogo è indifferente al mio lavoro.. Ho vissuto un anno in Erasmus a Copenhagen, 3 mesi a Sevilla, da due mesi sono a Barcelona e ad Aprile andrò a vivere a NYC per 3/5 mesi per poi girare un anno in giro per le americhe con il mio laptop…

Italiansinfuga: Ci spieghi in che modo la tecnologia disponibile oggi consente di vivere e lavorare come fai tu?

DM: Tutti passano ore e ore davanti al computer ogni giorno. Le tecnologie come internet , skype o facebook avvicinano in modo straordinario le persone seppur in modo virtuale (non dimentichiamocelo..!!!). Se tutto il mio lavoro è basato su internet, non ho bisogno di un ufficio, se i miei clienti si trovano in Italia, a Londra o ad Amsterdam, non ho bisogno di incontrarli se possiamo avere una videochiamata in skype e sentirci quasi 24 ore al giorno (ciò non toglie che un incontro “reale” non sarà mai surclassato da uno virtuale).
Se su internet ci sono centinaia di milioni di persone che ogni giorno ci passano ore il mercato si dirigerà di conseguenza su internet… C’è molto lavoro su internet.. ma non serve + saper utilizzare Office o scrivere una mail.. come spesso le aziende italiane chiedono nei colloqui..

Italiansinfuga: Che consigli pratici daresti a chi vuole lavorare con aziende italiane ma vivere all’estero come fai tu?

DM: Di pubblicizzarsi su internet. Se si conosce il cinese ad esempio, ci sono tantissime offerte di lavoro per aziende italiane che vogliono esportare i loro prodotti in Cina.. dal vino al parmigiano e così via.
Se si conoscono le lingue si può lavorare come traduttore… posso vivere nelle Filippine e lavorare come traduttore Italiano / Spagnolo /Inglese / Tedesco.
Le aziende italiane, al contrario di quello che si pensa, sono alla continua ricerca di persone qualificate ma non le trovano e specie in Italia..
L’università italiana ha un gap enorme su tutti i fronti e gli studenti, pur sapendolo, ci MARCIANO sopra.. Ho aiutato lo svolgimento (ma non ho potuto partecipare purtroppo.. ) a una manifestazione contro la Gelmini qui a Barcelona organizzata dagli studenti italiani in Erasmus a Barcelona.. le manifestazioni sono importantissime.. io ci credo fino in fondo! Ma se un corso di 3 anni ce ne metti 5 o uno di 5 ce ne metti 7 o 8 di anni.. sei tu studente che ci marci sopra e sarà solo peggio per te!

Meno rumore più segnale -> Betatest Web 3.0

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 9 dicembre 2008 by realuca

webtonic

Citando Jeffrey Zeldman in un post di trovabile “il Web 1.0 non era dirompente. Capisci? Il Web 2.0 è totalmente dirompente. Sai cos’è l’XML? Hai mai sentito parlare della correttezza di forma? Bene, ad ogni modo…” (…) “A voi che vi sentite un fallimento perché avete passato lo scorso anno ad affinare le vostre abilità sul web e a servire clienti, o a gestire un’impresa, o forse a pubblicare contenuti, voi siete persone speciali e deliziose, quindi tenete alta la vostra testa, e non fatevi mai vedere piangere. Per quanto mi riguarda, sto per tagliare fuori la fase intermedia e passare direttamente al Web 3.0. Perché aspettare?”

Un esempio geniale di come la rete può essere sintetizzata: un utente posta un contenuto da esso stesso generato tra ideazione-editing-condivisione.. e non si sta neanche parlando di programmazione!!

Webdesign: Web 3.0 – Il web semantico

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 8 dicembre 2008 by realuca

Siamo ancora alla prese con il Web 2.0, stiamo cercando di carpirne tutti i segreti e già si parla di Web 3.0… è dura la vista del webmaster. Questo video di ICTv ci aiuta a comprendere le basi di questa nuova evoluzione del web.

I social network: opportunità di business -> Facebook ads

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 5 dicembre 2008 by realuca

Leggi il post originale da affaritaliani & mediterranei

social

Fare business con Facebook (e non solo) si può: sono molte le aziende che si servono dei social network per le proprie strategie di marketing. Ad esempio, targetizzare un gruppo di amici di un determinato sport può essere particolarmente interessante per una società che produce abbigliamento sportivo. Ma è possibile anche tagetizzare i partecipanti ai videogame giocati sui social network. Secondo una ricerca effettuata nei mesi scorsi da Zoomerang per SLI Systems, quasi tre quarti dei dirigenti commerciali delle aziende americane ritengono che i social media avranno un grande impatto sulle loro strategie di marketing nel prossimo futuro. Per il momento, tuttavia, l’utilizzo dei social network a fini di marketing è ancora relativamente limitato, soprattutto a causa della mancanza di strategie precise in materia. In base a un sondaggio di Promo Magazine dello scorso maggio, finora solo il 16,9% delle aziende commerciali Usa hanno sfruttato a questo scopo i social network.

facebook ads

facebook-ads-485

Si chiama “engagement ads”, è la nuova forma pubblicitaria lanciata da Facebook ad agosto e che sarà visibile agli inserzionisti da questo mese. Si tratta di un modello pubblicitario più partecipativo. La pubblicità potrebbe apparire a tutto schermo, giocare sull’interazione dell’utente attraverso commenti a trailer o sondaggi su prodotti e servizi. Una volta completata l’azione il messaggio verrebbe inviato a tutti i contatti, alla stregua delle applicazioni e dei quiz che spopolano tra la comunità. Restano numerosi dubbi sulla scelta dato che è risaputa la diffidenza del web a forme di pubblicità invasiva. Gli utenti sono da sempre refrattari a forme pubblicitarie e non solo che ne rallentano l’esperienza di navigazione. Pubblicità, come monetizzare il bacino d’utenza: queste le prerogative di Facebook per ora. Come è emerso in questi giorni MySpace, sebbene disponga di un numero di contatti inferiori rispetto alla creatura di Mark Zuckerberg, realizza il 15,9% di incassi pubblicitari rispetto all’1,1% generato dal principale concorrente. Ma è solo un delle possibili opzioni. Per il momento la piattaforma di social network può contare su di un bacino d’utenza in grado di assorbire tentativi o scelte impopolari.

Sciopero e lutto di tutta la rete Internet italiana

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 4 dicembre 2008 by realuca

Leggi il post originale da blogosfere & ammazzablog

sberlusconi-thumb

“Regolamentare internet”, il premier Silvio Berlusconi, durante la visita al Polo tecnologico di Poste italiane all’Eur di Roma di ieri, ha parlato di un sistema per dare delle precise regole al web.

Una proposta, tutta italiana, che il Governo porterà sul tavolo del prossimo G8, “Porteremo sul tavolo una proposta di regolamentazione di internet in tutto il mondo, essendo internet un forum aperto a tutto il mondo” ha spiegato il premier.

Con poche parole e nessun dettaglio, il premier ha già attivato il tam tam di commenti in rete. L’iniziativa, scrive Paolo Galli, curatore del blog Usabilità, è inquietante. Mentre don Paolo Padrini, blogger di Passi nel deserto, si domanda se sarà davvero realizzabile e – prima ancora – auspicabile questa regolamentazione di internet? Regolamentare Berlusconi scrive Manteblog.

Su Wikio e Techorati moltissimi blog si stanno occupando della proposta del Cavaliere, proprio oggi che, dalle ore 17 presso la Camera dei Deputati (Sala delle Colonne – Via Poli 19, Roma), si terrà il convegno “Obama 1 mese dopo: la vittoria di Internet? Come Obama ha usato il web per vincere le elezioni”. Promosso da Codice Internet, da un’idea e in collaborazione con l’On.le Antonio Palmieri, il convegno vuole esaminare la strategia che ha permesso ad Obama di diventare Presidente degli Stati Uniti e sarà presentato in anteprima un censimento sull’uso di Facebook da parte dei politici italiani. Alla presentazione, moderata da Marco Montemagno, interverranno l’On.le Antonio Palmieri, l’On.le Paolo Gentiloni, Prof. Enrico Menduni, David Orban, Antonio Sofi, ed Edoardo Colombo.

Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi potrebbero essere un argomento caldo  dell’incontro alla Camera.

logo_netizen_clandestino

Dal 4 Dicembre in poi partecipa alla mobilitazione contro la clandestinità di Internet in Italia:
BANNER DA UTILIZZARE PER LO SCIOPERO E LA PROTESTA (tutti i codici per inserirli nel tuo sito)
IL TESTO DA PUBBLICARE LO TROVI SOTTO

  • se puoi oscura il tuo sito con una pagina nera, il logo, il video ed il testo del nostro messaggio
  • se per ragioni tecniche non puoi oscurarlo, pubblica il nostro logo con il nostro comunicato (o una tua versione) sul tuo blog, sito, forum, social news con tag ”netizen clandestino”
  • inserisci il logo nel tuo profilo dei social network (facebook, myspace, netlog, etc.) oltre al messaggio “Netizen clandestino – anche tu rischi una denuncia – io sono in lutto per la libertà di espressione di Internet in Italia, e tu? Partecipa!” o un altro qualsiasi
  • contatta i tuoi conoscenti all’estero e portali a conoscenza di questa situazione.
  • invia via eMail uno dei nostro comunicati o un tuo testo, l’informazione volutamente ci ignora, partecipa al passaparola
  • registra un video con il testo della canzone B-landestino, pubblicalo su youtube con il tag “netizen clandestino”

TESTO DA PUBBLICARE SUL PROPRIO SITO O BLOG, DA INVIARE VIA EMAIL O DISTRIBUIRLO IN QUALUNQUE MODO

Sembra paradossale, ma è la realtá.
Anche il tuo sito/blog puó essere oscurato e tutti noi come Carlo Ruta possiamo essere condannati per stampa clandestina.
Infatti esiste una legge (N° 62 del 7/3/2001) che dice a chiare lettere che in Italia siamo tutti in situazione di illegalità.
E tu cosa vuoi fare? Aspettare che ti arrivi una denuncia perchè hai espresso le tue idee?
Se hai un blog, un sito, un forum in Italia rischi grosso, e noi ci rivolgiamo agli internauti di tutto il mondo perchè ci aiutino a difendere la nostra libertá di espressione. Ognuno deve dare il suo contributo aiutando a diffondere questo messaggio per difendere la neutralità e libertà di Internet.

Ed è fondamentale farlo ora.
Ora che il Parlamento italiano sta studiando una norma che metterebbe ancor di piú i bastoni tra le ruote di tutti noi che non usiamo questo mezzo per professione ma solo per passione e per far circolare le nostre idee.
Questa norma (DDL Levi) deve essere immediatamente ritirata e devono essere sottratti alla legislazione sull’editoria tutti i mezzi internet utilizzati per esprimere e diffondere informazioni ed opinioni se gestiti in forma amatoriale, indipendentemente dalla loro capacità di produrre profitti.
Hai ancora dubbi?
Ti basti sapere che l’On. Giulietti nel 2001, come relatore della Legge N° 62 dichiarò che:

La legge sull’editoria non ha mai avuto tra i suoi obiettivi quello di imbrigliare le attività editoriali sulla rete. Sono quindi falsi gli allarmi e le preoccupazioni diffusi in tal senso.”

A distanza di sette anni ed a causa di quella legge, uno di noi, Carlo Ruta è stato condannato per stampa clandestina ed il suo sito è stato oscurato. Le rassicurazioni di allora sono dunque state inutili come lo saranno quelle di ora.
Tu che ci stai leggendo, tu che sei uno di noi, non rimanere passivo.
Domani potrebbe capitare anche a te.
Facciamo sentire la nostra voce e coordiniamo insieme una lotta per poter continuare ad esprimere i nostri pensieri. A questo link troverai tutte le informazioni per fare anche tu la tua parte. Fai sentire a tutti il tuo grido di libertà.

No alla clandestinità, vogliamo la libertà.

Iscriviti alla newsletter! Invia una email a salvaiblog-subscribe@domeus.it

Berlu-Sky!!

Posted in Web e Comunicazione with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 2 dicembre 2008 by realuca

Leggi il post originale da voglioscendere

itresilvi

«Ma quale conflitto di interessi. La sinistra ha concesso a Sky per i rapporti che aveva con quella televisione il privilegio del 10 per cento dell’Iva. Abbiamo tolto quei privilegi e abbiamo fatto ritornare l’Iva a Sky uguale a quella di tutti gli altri».

E’ proprio questa la vera storia del trattamento fiscale agevolato per la pay tv? “L’espresso” ha fatto una piccola inchiesta per ricostruire la vicenda dello sconto dell’Iva a Telepiù, il primo nome della tv a pagamento che fu fondata dal gruppo Fininvest per essere ceduta prima a una cordata di imprenditori amici, poi ai francesi di Canal Plus e infine nel 2002 a Murdoch che la denominerà con il nome del suo gruppo: Sky.
Si scopre così che l’Iva agevolata sugli abbonamenti della pay-tv italiana è stata un trattamento di favore risalente al 1991 fatto dal ministero retto dal socialista Rino Formica e dal governo Andreotti a Silvio Berlusconi in persona. Non solo: dietro questo favore, secondo la Procura di Milano, c’era persino stato un tentativo di corruzione.
Nel 1997 Il pubblico ministero Margherita Taddei chiese il rinvio a giudizio per Berlusconi. Lo chiese anche sulla base di un fax che fu trovato durante una perquisizione. La missiva era opera di Salvatore Sciascia, allora manager Fininvest e oggi parlamentare del Pdl nonostante una condanna definitiva in un altro procedimento per le mazzette pagate dal gruppo alle Fiamme Gialle. Nel fax, diretto a Silvio Berlusconi, Sciascia chiedeva di spingere per far nominare alla Corte dei Conti il dirigente del ministero delle Finanze Ludovico Verzellesi, meritevole perché in precedenza si era speso per fare ottenere l’agevolazione dell’Iva al 4 per cento per Telepiù. In pratica, secondo la ricostruzione dei magistrati, la raccomandazione era il ringraziamento di Fininvest per il trattamento ricevuto.
Il fascicolo processuale però fu trasferito nella Capitale per competenza nel 1997. Nel 2000 il Gip Mulliri, su richiesta del procuratore di Roma Salvatore Vecchione e del pm Adelchi D’ippolito (oggi capo dell’ufficio legislativo del ministero dell’economia con Giulio Tremonti) archiviò tutto. Nessuna rilevanza penale, quindi. Ma restano i dati oggettivi sulla trattativa tra la Fininvest e il ministero per l’abbassamento dell’Iva sulla pay tv: dal 1991 al 1995 quando era controllata o partecipata dal gruppo Berlusconi, Telepiù ha goduto di un’aliquota pari al 4 per cento. Un’agevolazione che allora Berlusconi non considerava scandalosa. Mentre oggi definisce “un privilegio” l’aliquota più che doppia del 10 per cento.
L’innalzamento dal 4 all’attuale 10 per cento fu introdotto alla fine del 1995 nella legge finanziaria del Governo Dini. All’epoca i manager di Telepiù, scelti dal Cavaliere, salutarono così il provvedimento: «È l’ultimo atto di una campagna tesa a mettere in difficoltà la pay tv».

Il 25 ottobre del 1995, Mario Zanone Poma, (amministratore di Telepiù sin dalla sua fondazione) dichiarava alle agenzie di stampa: «L’innalzamento dell’aliquota Iva:
1) contraddice la sesta direttiva della Comunità Europea;
2) contraddice l’atteggiamento degli altri paesi europei verso aziende innovative quali le pay tv;
3) crea una grave discriminazione tra la pay-tv e il servizio televisivo pubblico».
In pratica il manager scelto da Berlusconi diceva le cose che oggi dicono gli uomini di Murdoch.

Effettivamente un ruolo dei comunisti ci fu. Ma a favore del Cavaliere.

Il Governo Dini voleva aumentare l’Iva fino al 19 per cento (come oggi vorrebbe fare Berlusconi) ma poi fu votato un emendamento di mediazione che fissò l’imposta al 10 per cento attuale. L’emendamento passò con il voto decisivo di Rifondazione Comunista: il suo leader dell’epoca, Fausto Bertinotti, in un ribaltamento dei ruoli che oggi appare surreale, fu duramente criticato dall’allora responsabile informazione del Pds (e attuale senatore del PD) Vincenzo Vita: «È squallido che Bertinotti abbia permesso un simile regalo a questo nuovo trust della comunicazione, figlio della Fininvest».

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.