Archivio per corriere della sera

Primi omicidi in diretta ai mondiali di calcio

Posted in Attualità ed Attivismo with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on 1 giugno 2010 by realuca

I 23 di Lippi: Buffon, De Sanctis, Marchetti. Cannavaro, Chiellini, Criscito, Grosso, Legrottaglie, Santon, Zambrotta. Camoranesi, D’Agostino, De Rossi, Marchionni, Marchisio, Palombo, Pepe, Pirlo. Di Natale, Gilardino, Iaquinta, Quagliarella, Rossi. E le partite le vedremo anche in 3D! però..

L’ONU condanna la strage Israeliana e l’arresto di 480 attivisti (tra cui sei italiani), e chiede subito un’inchiesta per punire i responsabili e la liberazione degli ostaggi.
Israele ribatte accusando le nazioni Unite di ipocrisia e giudizi affrettati.

L’editoriale di Feltri, invece, un inno alla diplomazia:

“Con la scusa del pacifismo, una flotta di navi voleva violare la sovranità dello Stato ebraico e portare aiuti ad Hamas. I soldati di Gerusalemme l’hanno fermata per controlli e sono stati aggrediti: reazione inevitabile”.
E su Spizoza l’infelice titolo diventa “Con la scusa del pacifismo, volevano aiutare Hamas”. Con la scusa del giornalismo, hanno scritto una stronzata. [maurovanetti]

In tutto questo da Gaza il governo di Tel Aviv diffonde il video dell’attacco alla “Freedom Flotilla” che mostra  gli scontri tra militari e passeggeri >> un blitz in acque internazionali che genera la reazione violenta dei “pacifisti” giustifica una strage?

Ma soprattutto agli Italiani che fremono per i Mondiali in Sudafrica e che sognano un calciomercato strepitoso per la loro squadra.. di questa storia cosa gliene frega!?

In un paese dove la televisione ha bruciato il senso critico, dove le emozioni sono più importanti della riflessione.. forse solo lo stesso vago linguaggio della tv può lasciare il segno. Questa si.. è un’altra storia!

<< PS >>
Quindi in un post di neobar: questo cortometraggio del 2006 di Sebastián Wilhelm prende spunto dall’esistenza di due strade adiacenti di Buenos Aires, chiamate rispettivamente “Stato di Israele” e “Palestina” per mettere in rilievo, con un certo umorismo nero, l’assurdità dell’occupazione israeliana. Dopo l’assalto della marina israeliana contro la «Freedom Flottilla» diretta a Gaza, si spera che anche questa questa volta l’ondata di proteste non finisca per essere solo di facciata; e soprattutto che le grandi potenze prendano finalmente posizione nei confronti di questo ulteriore atto criminale da parte del governo israeliano.

FRIENDS WILL BE FOREVER FRIENDS

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.