Quanto è frammentata la vostra presenza online?

Leggi il post originale da oneweb20

Social network

Qualche giorno fa ho letto e commentato un interessante post di Ilaria Katerinov intitolato “Della frammentazione dell’identità nel web 2.0” in cui l’autrice spiega che il fatto di essersi iscritta a molteplici social network e di aver la volontà di tenerli aggiornati la costringe a dedicare meno tempo al suo blog:

Per esempio: un tempo avrei postato qui una foto con una breve didascalia; ora preferisco metterla su Flickr, che ormai uso come appendice del blog, pur sapendo che chi non è iscritto non potrà commentarla.

Oppure: una citazione a cui mi va di aggiungere solo un breve commento finisce inevitabilmente su Tumblr. I micropost di una o due righe finiscono per diventare update di Twitter. Se ho letto un bel libro e voglio recensirlo, è più facile postare un commento su aNobii. Con tutto il tempo che passo su Last.fm, non ho più voglia di parlare di musica qui. Se trovo un sito interessante lo metto in del.icio.us; un post stimolante letto su un blog che seguo via feed finisce negli elementi condivisi di Google Reader, ma poi non sempre trovo la forza di scriverci sopra un post.

Non so voi, ma io mi sono perfettamente identificata in questo “problema” e a questo proposito Ilaria si è posta una domanda a cui ho voluto subito rispondere: i blog hanno ancora vita lunga, sono destinati all’estinzione o si trasformeranno in qualcosa di intrinsecamente diverso?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: