Se tutti fossimo John Chow

Leggi il post originale da onemarketing

John Chow è uno dei problogger più noti, e probabilmente quello che fra tutti è riuscito a monetizzare meglio il suo blog (oltre 180.000 dollari guadagnati nel corso del 2007, con un crescendo impressionante: dai 3.440 dollari di gennaio agli oltre 25.000 dollari di dicembre).
Un paio di giorni fa, John è stato intervistato durante l’Ad:Tech di San Francisco, ed ha rivelato alcuni dei suoi segreti… eccovene una lista (un pochino “manipolata” dal sottoscritto):

  • Cerca di provare quanto prima possibile i nuovi programmi di affiliazione; successivamente, cerca di far iscrivere altri editori tramite il tuo link di affiliazione
  • Non utilizzare Google AdSense
  • Frequenta fiere, BarCamp ed altri luoghi d’incontro relativi ai tuoi interessi
  • Costruisci e mantieni solidi rapporti, basati su buone relazioni
  • Scrivi buoni contenuti
  • Mettici del tuo!
  • Sii coerente
  • Trova sempre buoni argomenti
  • Scrivi almeno 2 post al giorno (la media di John Chow è di 2,6 post al giorno, 7 giorni su 7)
  • Fai in modo di incrementare i lettori del tuo feed (la voce di traffico più importante, secondo John Chow)
  • Compra pubblicità per acquisire nuovi lettori (John Chow spende circa 400-500 dollari al mese in annunci AdWords)
  • Fai in modo di ottenere traffico tramite il passaparola
  • Cerca di essere più internet marketer (e meno blogger)

Riassumendo, questa è la ricetta di John Chow per un blog di successo:

  • qualità e coerenza
  • diversifica al massimo la pubblicità
  • attira traffico
  • massimizza le revenue

Ci sarebbe da obiettare su alcune tautologie: ad esempio, è ovvio che devo trovare sempre buoni argomenti, tutto sta nell’individuare quali siano questi buoni argomenti. Fa un po’ effetto il secondo punto (non utilizzare Google AdSense) ma anche su questo si è discusso più volte, ricercando fonti di guadagno alternative al programma di affiliazione di big-G. Oltre a queste considerazioni di superficie, sto cercando di trovare un senso pratico alla lettura di questi “trucchetti”. Ragionando per paradosso, mi sono chiesto cosa succederebbe se tutti i blogger, da domani, tentassero di raggiungere il monte guadagni di John Chow semplicemente cercando di emularlo. Ovvero, aprendo un blog e seguendo alla lettera i suoi consigli. Sicuramente, a lungo andare, i prezzi della pubblicità e le conseguenti revenues crollerebbero: sarebbe impensabile, con milioni di John Chow Virtuosi in giro per la rete, riuscire a sostenere un’economia basata sui modelli attuali. Tutti insomma, compreso John Chow, guadagnerebbero un po’ di meno rispetto agli standard attuali dei top-blogger, visto che la torta degli investimenti pubblicitari può sì espandersi, ma non all’infinito.

Un fattore imprescindibile è il tempo da dedicare al progetto: non solo ai contenuti, ma a tutto il contorno. Grafica, analisi, ottimizzazione, attività di comunicazione, attività commerciali, rapporti con l’esterno, e via dicendo. Il tempo, quindi, come chiave di volta per un blog di successo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: