Social networking: il trionfo dell’eroptica

Leggi il post originale da mediazone

L’etimologia è piuttosto intuibile : il social network, è letteralmente una rete sociale, un insieme di persone con un interesse in comune che decidono di  fare gruppo ed entrare in comunicazione tra loro instaurando rapporti di tipo amicale, lavorativo o amoroso. L’argomento, di interesse interculturale, è da anni al centro di numerose pubblicazioni di antropologia, sociologia dei gruppi e psicologia sociale ; Uno degli aspetti più discussi e discutibili è la reale definizione di rete sociale, sia sul piano ontologico, sia riguardo al numero di persone necessarie per poter definir tale questo tipo di agglomerato umano.

Ai primi posti nella classifica dei social network più in vista si troverebbero oggi, Myspace e Facebook, rispettivamente con 107 e 73 milioni di utenti. Chris Hughes, portavoce per Facebook, sottolinea come le gli utenti iscritti al servizio spendono circa 19 minuti al giorno, e sempre prendendo come esempio Facebook, in uno studio condotto da Student Monitor, un’ azienda del New Jersey specializzata in ricerca sul mercato studentesco, Facebook è stato nominato come la seconda cosa più “in“  tra gli studenti universitari, allo stesso posto della birra e del sesso, secondo solo all’ iPod.

Vere e proprie vetrine virtuali, questi spazi hanno diffuso un particolarissimo modo di entrare in rapporto con l’altro, basato su un forte appeal visuale ; con la possibilità immediata di visualizzare fotografie e filmati infatti i lati caratteriali vengono messi in ombra da una prorompente estetica corporea mediata dal mezzo computerizzato. Come in un moderno Videodrome la sessualità passa attraverso il monitor del proprio personal computer ed i database si trasformano in un enorme bacino virtuale all’interno del quale pescare a piacere il proprio s-oggetto del desiderio. Una volta dentro lo schermo chi guarda viene letteralmente sovraccaricato di immagini, input musicali, pop up di ogni genere ed annunci pubblicitari ; L’immagine trasuda eros, è il trionfo dell’eroptica.

Max Renn, protagonista di Videodrome, ridotto a videoregistratore umano, riceve Videodrome dentro di sé attraverso l’orefizio vaginale apertosi nel ventre, si lascia programmare e riprogrammare, diventa una video-parola fatta carne. Allo stesso modo, in una società come la nostra che somiglia tanto a quella futuristica ipotizzata da Cronenberg, l’ utente del cyber spazio, tanto caro a William Gibson e al cyberpunk, va avanti a birra, sesso e social networking.

MORTE A VIDEODROME E GLORIA E VITA ALLA NUOVA CARNE

2 Risposte to “Social networking: il trionfo dell’eroptica”

  1. Grazie, sono contento che ti sia piaciuto l’articolo

  2. si mattia!
    morte a videodrome e gloria e vita alla nuova carne!
    in + penso a canevacci, la facoltà r tutte storie..
    cmq si..ottimo post mattia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: